Something strange is happening right now

Something strange is happening right now

In Article — By Tommaso Tregnaghi — 16.05.2017

Practices to read, catalog, and archive what is curious nowadays, through Curiouspedia.
English and Italian article.

We often say that the era we’re living in is inscribed in an exponential changes flow. A time and a space in which things happen at an abnormal speed as we struggle to keep up with innovations, changes, and new realities that come into the world which rise and die continuously.
Inside this context it is hard to have a clear vision of the present, which becomes a matter of uncertain and indeterminate study.
A gimmick, adopted by Near Future Design, is to consider two aspects of the present: on the one hand, the Consensual Reality, the normality of our lives, and on the other, the new and unexpected happenings that manifest more and more rapidly.
A peculiar feature of some of these is being outside of our perception of what is ordinary, from what we consider normal or common.
Because of this aspect, they are called Curious Rituals (CURI).
The term Curious Rituals was born as part of a research conducted by Nicolas Nova during a residency program in Media Design at the Art Center College of Design in Pasadena, California in 2012. The output of this residence was a very interesting book “Curious Rituals, gestural interaction in the digital everyday.

In our approach, the definition of CURI has expanded to all those objects, services, products, behaviors, practices, processes in place in the current scenario, on which there is no wide consensus regarding their normality. They are commonly perceived as weird and bizarre, unexpected, unusual, and surprising. They exist, but there is no agreement on their existence, or their meaning, or the exact reason why they may be useful, necessary, beneficial, or valuable contributors to society. CURI represents that portion of change in place at the precise moment of their observation. They are seeds of a possible future that can be looked at, discussed, and investigated from a privileged point of view during their growth.
More than any other form of survey, observation of CURI is tight to the context of reference.
For each CURI there is, in fact, a degree of normality and weirdness based on the cultural, sociological and psychological characteristics of the observer. Age, place of belonging, and social relationships are just some of the variables that influence the evaluation of the same phenomenon as normal or odd. These categorizations are also mobile and changing. What today is a CURI, tomorrow could be a Consensual Reality (CR) -an object with a unique and widely recognized meaning- or could disappear completely from people’s perception. And so on.

“If the Consensual Reality is a circle area, Curious Rituals would be its indistinct edge.”

Observing CURIs during their manifestations and the way they move through the edges of the consensual reality is not easy. We believe that the possibility of cataloging them day by day and observing their mutations could be important to many more than just us.

 

From these considerations comes the idea of ​​Curiouspedia:
Curiospedia is a digital archive, a tool whose purpose is to collect the Curious Rituals, things and behaviors outside the normalcy field that feel strange or unusual. It is an observatory by which to find recurring patterns, emerging currents, and evolutive tensions that could define the near future.
Curiouspedia is searching for the weak signals of possible futures in the present.

“The future is already here – it's just not evenly distributed.”
William Gibson

Archiving and cataloguing have changed radically over the years.
Originally the archive has been used for the management and storage of documents, then it extended its functions, including objects and artifacts for their expressive, formal, and aesthetic values.
An archive is like a puzzle, where among each document there is a strong relationship that the archivist made by combining his vision with the characteristics of the objects.

 

So, we have the opportunity to curate for storage and archives, but also to show our own vision about something.
Throughout history, there have been a few particularly interesting events about archiving and cataloguing.
During the 16th and the 17th centuries, the German aristocrats built the cabinets of curiosities, also known as Wunder and Kunstkammer, with the aim of “enclosing the universe in a single room”.
They collected aesthetic objects, without any kind of functionality other than to be weird enough to shock their guests. The Mirabilia collected (for some they are considered to be the precursors of modern museums) can be seen as a new and fascinating form of archive.
Even if the activity of cataloguing remains largely intact, in the Mirabilia the focus was on the curator, the one who selects and displays the objects which are curious and unexpected.
To archive with the aim of positioning is not easy, but it’s very useful to define a vision or express complex ideas or processes.
During the 18th century the Linnaeus’s work on taxonomy had a great role in breaking the traditional rules of collection and diffusion in the scientific field.
The choice of defining a single object in an unequivocal matter has been crucial in creating a nomenclature system that highlights its own attributes, and meanwhile, the relationships with other objects in the same context.
To give a name means make a choice, so it is possible to give a shape to ideas, directions, and to create a space for discussions and debates.

“If the names are unknown knowledge of the things also perishes”
Carl Linnaeus

Getting back to the present, an interesting activity of cross-disciplinary curatorship -between, arts, design, and architecture- is adopted from Paola Antonelli, since 2008 Senior Curator of the Department of Architecture & Design at MoMA (NY).
She started a revitalizing process in order to extend the meaning of design in the contemporary era, including a great variety of activity in different fields, far away from tools and furniture.
While talking with the designer and artist Silvio Lorusso, something interesting came up regarding this example. The work of Antonelli is interesting for the modalities and the intents that she has, purely contemporaneous, and it is fascinating in relation to the practices of archiving and curatorship. Today the pure “design object” doesn’t exist anymore, and a wider and varied set of artifacts come closer to the definition of design thanks to a series of parameters, practices, and methods. The choice to select a videogame, or a firearm, opens up debates and reconfigures reality, forcing us to look at this from a different point of view.

“The methods that we developed along the way are really strong, they are not only selection parameters, they are also exposition and preservation ones. [...] it’s truly a way to think about how to preserve and show artifacts that will become more and more part of our life in the future.”
Paola Antonelli

What the curator selects, and the practice of selection and curatorship, get a particular importance, not because it diverges from the norm -as it could happen, for example, at the end of 18th century when in front of the Impressionist exhibitions there were signals for pregnant women, that warned them to pay attention to the really violent content of the show- but because it shifts the focus on everyday life, and puts it in a very precise frame.
Forefather and extreme example of this practice was Marcel Duchamp, who, with different scopes and modalities, led the activity of selection to its peak: chose an object and raised it to Ready Made Art just because the artist decided to put it in a museum context.

So, what does Curiouspedia have to do with all of this?
In the present, very little. But we would like to have more.
Looking for the behaviors, the objects, and the new practices that come and go every day in society is very important for Nefula.
To have a tool, yes, Curiouspedia is a tool, able to help us in this task is not just a “benefit” for us, but could be a starting point able to link everybody who is interested in observing the present to imagine the tomorrow.
It Is for this reason that we decided to make Curiouspedia, an observatory on Curious Rituals that act in the present of our society. A tool able to set and organize a snap-shot of bizarre things happening in the world. A tool that helps people to understand different situations and their specific relationships, on a macroscopic and microscopic level.
The possibility to observe, choose, catalog (if you have some doubts about how, here you can find some tips on how to find and to catalog CURI), and name things that happen in the present, give to us the opportunity to have a privileged point of view, able to amplify a vision and to share it, looking for a discussion.
Today we are happy to open the first version of something that could soon become (hopefully) a collaborative platform to gather and evaluate CURI. An observatory on their evolution, able to generate a collective discussion around different topics that characterize our lives now and in the future.
The hunt is open, gotta catch ’em all.

Italian article

Diciamo spesso che l’era in cui viviamo è contraddistinta da un flusso di “cambiamento esponenziale”. Un tempo e uno spazio in cui le cose accadono ad una velocità anomala e stentiamo a stare al passo con le innovazioni, i mutamenti, le nuove realtà che nascono, crescono e muoiono ininterrottamente.
In questo contesto è arduo avere una visione chiara del presente, che diventa materia di studio sfuggevole e indeterminata.
Un espediente, adottato dal Near Future Design, è quello di considerare due aspetti del presente: da un lato la Realtà Consensuale, l’ordinario delle nostre vite, e dall’altro gli accadimenti nuovi e inattesi, che si manifestano sempre più velocemente.
Caratteristica peculiare di alcuni di questi ultimi è l’essere al di fuori dalla nostra percezione di ordinario, da quello che consideriamo normale o comune.
Proprio per questo loro aspetto vengono definiti Curious Ritual, Rituali Curiosi (CURI).
Il termine Curious Ritual è nato nel 2012 come parte di una ricerca portata avanti negli anni da Nicolas Nova all’interno di una residenza del Media Design Program al Art Center College of Design di Pasadena, California. Il risultato di questa esperienza è una pubblicazione molto interessante, disponibile online: “Curious Rituals, gestural interaction in the digital everyday”.

 

Nel nostro approccio la definizione di CURI si è ampliata a tutti quegli oggetti, servizi, prodotti, comportamenti, pratiche, processi in atto nello scenario attuale, sui quali non c’è ampio consenso rispetto alla loro normalità. Sono comunemente percepiti come strani e bizzarri, inaspettati, inusuali, sorprendenti, inusitati. Esistono, ma non c’è accordo sul perché della loro esistenza, o sul loro significato, o sull’esatto motivo per cui essi possano risultare utili, necessari, vantaggiosi, apportatori di valore nella società. I CURI rappresentano quella porzione di cambiamento in atto nel preciso momento della propria osservazione. Sono semi di un futuro possibile che possono essere guardati, discussi e indagati da un punto di vista privilegiato durante la loro crescita.
Più di ogni altra forma di indagine, l’osservazione dei CURI è legata al contesto di riferimento.
Per ogni CURI esiste infatti un grado di normalità e di stranezza in base alle caratteristiche anagrafiche, culturali, sociologiche e psicologiche dell’osservatore. L’età, il luogo di appartenenza, le relazioni sociali sono solo alcuni delle variabili che influiscono nella valutazione del medesimo fenomeno come normale o strano. Queste categorizzazioni, inoltre, sono mobili e cangianti. Ciò che oggi è un CURI, domani potrebbe diventare una Realtà Consensuale (CR) -un oggetto con un significato univoco e ampiamente riconosciuto- o sparire del tutto dalla percezione delle persone. E così via.

 

“If the Consensual Reality is a circle area, Curious Rituals would be its indistinct edge.”

 

Osservare i CURI durante il loro manifestarsi e nel loro muoversi ai bordi della realtà consensuale non è però semplice. La possibilità di catalogarli giorno dopo giorno, osservando le loro mutazioni è per noi molto importante, e pensiamo possa esserlo anche per altri.
Da queste considerazioni nasce l’idea di Curiouspedia:
Curiospedia è un archivio online, uno strumento il cui scopo è collezionare i Curious Ritual, cose e comportamenti fuori dai confini della normalità, che risultano strani, bizzarri, inusuali. Curiouspedia è alla ricerca dei segnali deboli dei futuri possibili, nel presente.

 

“The future is already here – it’s just not evenly distributed.”
William Gibson

 

L’archivio e la pratica della catalogazione che ne consegue hanno subito negli anni una trasformazione radicale.
Nato, probabilmente, come solo strumento di organizzazione e conservazione di documenti, l’archivio si è poi esteso alla raccolta di oggetti e manufatti arrivando a acquisire valenze più espressive, formative ed estetiche.
Tra i documenti di uno stesso archivio si forma un legame (il vincolo archivistico) che rende il singolo elemento parte di un mosaico, di una rete di relazioni necessarie e naturali determinate dalle esigenze dell’archivista. Si ha così la possibilità di curare allo scopo di catalogare/conservare da un lato e definire e rendere comunicabile la propria visione sull’argomento dall’altro.
Nell’arco della storia alcuni eventi che hanno cambiato il concetto di archivio sono per noi particolarmente interessanti.
Tra questi sicuramente la nascita dei gabinetti delle curiosità, le Wunder e Kunstkammer, che nei secoli XVI e XVII comparvero presso le casate nobili tedesche con lo scopo di “Ricostruire l’universo in una stanza”: oggetti collezionati per pura estetica, senza una apparente (in molti casi) funzionalità, se non quella di sconvolgere e stupire gli ospiti per la loro stranezza e per la loro particolarità. Il Mirabilia che veniva raccolto (e che viene considerato da molti un primo passo verso la nascita dei musei), può essere considerato un parallelo interessante al concetto di archivio. Questa pratica risulta particolarmente interessante per il suo utilizzare in parte le modalità dell’archivio, spostando però il focus sul curatore, colui che ha il ruolo di selezionare gli oggetti e gestirne la presentazione per definire il curioso e sorprendere le persone.
Archiviare per esprimere una posizione è un compito difficile ma che bene interpreta una visione ed aiuta ad esprimere concetti e processi complessi.
Nel corso del XVIII secolo l’opera tassonomica portata avanti da Linneo ha avuto un ruolo di grande rottura rispetto ai canoni di raccolta e diffusione di contenuti scientifici precedenti.
È stata centrale la scelta di definire un oggetto o un andamento in una maniera univoca, attraverso una modalità di nomenclatura che privilegiasse le sue caratteristiche specifiche evidenziando al tempo stesso le relazioni con ciò che gli stava attorno.
Nominare significa scegliere, e scegliendo è possibile affermare visioni e direzioni capaci di creare un terreno comune su cui discutere e confrontarsi.

 

“Se non conosci il nome, muore anche la conoscenza delle cose.”
Carlo Linneo

 

Tornando ai giorni nostri, una pratica interessante che sta avendo luogo nell’ambito della curatela a cavallo tra arte, design e architettura è quella messa in pratica da Paola Antonelli. Al MoMA di New York la Antonelli, dal 2008 a capo del dipartimenti di arte e design, ha intrapreso un percorso di rivalutazione del design nel contemporaneo e della sua espansione a un enorme numero di branche, andando ben oltre il concetto di utensile o di oggetto d’arredo.
Conversando con l’artista e designer Silvio Lorusso a proposito, è emerso quanto questo esempio sia interessante, sia negli intenti che nelle modalità, e stimolante proprio nei confronti della pratica dell’archiviazione e della curatela, praticata da Antonelli in un’ottica prettamente contemporanea. Non esiste più “l’oggetto di design” a priori, ma esistono una serie di criteri, di pratiche, di metodi, che fanno sì che una più vasta e variegata serie di manufatti si rendano candidabili alla definizione di “design”. La scelta di selezionare un videogame o un’arma da fuoco apre dibattiti e riconfigura la realtà, costringendoci ad osservarla con occhi diversi.

 

“I metodi che abbiamo sviluppato durante il percorso sono stati molto forti e non sono criteri di selezione, ma anche criteri di esposizione e di preservazione. […] È veramente un modo di pensare a come preservare e mostrare reperti che diventeranno sempre di più parte delle nostre vite in futuro.”
Paola Antonelli

 

La scelta del curatore e la pratica della selezione e curatela acquista così una valenza particolare, non tanto perché divergente rispetto alla norma -come poteva succedere, ad esempio, a fine ‘800 quando all’ingresso delle mostre dei pittori impressionisti venivano posti cartelli che avvisavano le donne incinte di prestare attenzione a causa del forte contenuto della mostra- ma perché sposta l’occhio sul quotidiano, ri-collocandolo secondo una visione precisa.
Capostipite ed esempio estremo di questa pratica è stato parte del lavoro di Marcel Duchamp che, sebbene con modalità e scopi differenti, ha portato l’attività di selezione al suo culmine: scegliere un oggetto della vita quotidiana ed elevarlo a Ready Made, Arte solo per il fatto di essere stato scelto dall’artista e posizionato in un contesto museale.

 

Cosa c’entra Curiouspedia con tutto questo?
Attualmente ben poco, ma ci piacerebbe molto di più.
Osservare i comportamenti, gli oggetti, le nuove pratiche che quotidianamente nascono e muoiono nella società ha per Nefula una valenza molto forte.
Avere uno strumento, perché di questo si tratta, capace di aiutarci in questo compito è non solo un vantaggio “per noi” ma potenzialmente un punto di partenza capace di aggregare chiunque sia interessato all’osservazione del presente per immaginare i domani.

 

È per questo motivo che abbiamo deciso di creare Curiouspedia, un osservatorio sui rituali curiosi in atto nel presente delle nostre società. Uno strumento per fissare e organizzare delle istantanee di ciò che di bizzarro avviene nel mondo e che sia di aiuto nella comprensione di ogni singolarità e delle reciproche relazioni, facilitando l’osservazione macroscopica e contestuale. La possibilità di osservare, scegliere, catalogare (se vi state chiedendo come, qui trovate qualche nostro appunto su come trovare e catalogare i CURI) e non ultimo dare un nome a un avvenimento in atto nel presente, ci permette di avere un punto di vista privilegiato, in grado di amplificare delle visioni e di diffonderle al fine di alimentare una discussione.
Siamo felici di aprire oggi la prima versione di quella che vorremmo diventasse presto una piattaforma per la raccolta e la valutazione partecipata dei CURI, un osservatorio della loro evoluzione, capace di generare una discussione collettiva attorno ai tanti temi che caratterizzano e caratterizzeranno le nostre vite.
È aperta la caccia, prendiamoli tutti.

Tommaso Tregnaghi

Art & design researcher, Tommaso explores their contamination in culture and society through near future design lenses.
John Cage lover and apprentice tattooer.



NEWSLETTER

Be lazy, subscribe to have an overview of the Journal.
Randomly in your inbox.