Warning: "continue" targeting switch is equivalent to "break". Did you mean to use "continue 2"? in /home/giacomo9/nefula.com/wp-content/plugins/revslider/includes/operations.class.php on line 2695

Warning: "continue" targeting switch is equivalent to "break". Did you mean to use "continue 2"? in /home/giacomo9/nefula.com/wp-content/plugins/revslider/includes/operations.class.php on line 2699

Warning: "continue" targeting switch is equivalent to "break". Did you mean to use "continue 2"? in /home/giacomo9/nefula.com/wp-content/plugins/revslider/includes/output.class.php on line 3581
Agnese Addone: Schools miss the point of coding
 

Agnese Addone: Schools miss the point of coding

Agnese Addone: Schools miss the point of coding

In Conversation — By Nefula — 12.06.2017

Some thoughts about learning and the edtech propaganda.
Italian and English article.

From the first few moments of its existence Nefula is interested in the study of the evolutions of the educational systems. Since we currently aren’t teachers or parents, we have a bird’s-eye view on what is happening in schools. But we know that insiders don’t have nice thoughts about outsiders, so we felt the need to have a chat with Agnese Addone, our friend and 100% insider.
Agnese is a maths teacher in a primary school in Rome (she talks about herself as an accidental teacher), she’s a mum of a 10 year old boy, and she is one of the first CoderDojo Italia co-founders.
She told us her point of view about the relation between education and technology in Italy, a story of missed opportunities and chances for the future.

Nefula:

Nowadays one of the greatest challenges in the educational area is planning the curriculum. In an age where long-term forecasting is next to impossible, to choose a collection of knowledges and skills that will be useful in the next 10/20 years is quite a paradox. So, why teaching coding seems to be a key step in the education of younger generations?

AA:

Firstly, I have to share with you that I have a bad feeling about “coding in schools” at this very moment. I think that, albeit with certain exceptions, we are teaching to code in the classrooms in a wrong way. An educational movement that could be a positive example is often seen as a technique.
Teach to code is an opportunity to promote an active approach to technology, a way to communicate and express ourselves, to help to express wishes and passions, and surely also to have a deeper knowledge of reality. I feel like this whole thing has been misunderstood.
In this moment coding is the focus of teaching and it is not seen as a tool to learn creativity or imagination. Students are learning to program.

Even if we cannot predict the future, I think we are misunderstanding the goal of education, and going towards a negative scenario. Because, any directions we will take for the future, primary school must aim to develop individual personality and the understanding of reality. All this must be achieved using elementary tools, even if simplifying things is difficult. By giving more and more relevance to technicalities and details we are missing the point of education, taking the direction of hyperspecialization. From primary schools students are addressed to an encyclopedic knowledge, a way of learning in which information over information are recorded in a useless way.
This is terrible because the youngest generation is disoriented and asks for landmarks to understand reality. In this context the current approach is harmful, rather than to teach how to face the complexity it adds more information.

Collage by Joana Coccarelli

Nefula:

Recently the coder movement has attracted harsh criticism. The whole approach and its usefulness in shifting from “learn how algorithms work” and “be critically consumers and producers of digital media” is called into question. Moreover, the role that big corporations play in the “computational propaganda” can suggest some long-term interests different from growing up informed digital citizens.

AA:

Companies and corporations have been the first advocates of the coder movement. They started in professional ways and then they tried to find place in schools. But they had to deal with pedagogy and teaching and their resistance to changes. So a slow innovation process started and it involved both teachers’ resistance and the lack of preparation of politicians.
Even if the kick-start was from corporations, it’s also true that in the same time many educators acknowledged that there was a gap to fill, and found in teaching coding an opportunity to do it.

Talking about the criticism, I have already expressed my doubts. Right now is emerging a neo-Luddite movement into the teachers’ communities. Many teachers that just yesterday were in favour of edtech changed their mind, due to the bad experiences of coding at school.

I’m not quite sure of the efficacy of the method. But I’m sure that inside the classrooms the learning to code practices often take some scholastic features that are not positive and that don’t exist in other context. One of this is the demand of valuation of coding in its technical aspects, as it is just an expertise.
What is happening is that we are missing a great occasion, that is to use coding to teach other subjects and to deliver knowledges.

Nefula:

A lot of people are afraid about how technologies are involved in education. Then, there are a lot of new experiences in the opposite direction: back to wild nature and analogue technologies. Do you think that the antithesis nature VS technology is real and that it can guide the education choices? Do you think that in future one of these two dimensions will be dominant? Do you know any project or practice that bridge the gap between nature and technology?

AA:

I wouldn’t talk about fear, I would talk about war between rival factions.
But I really don’t see an opposition between these two directions in education. I think that who chooses the “back-to-nature” direction doesn’t understand how much it is linked with the digital education. It’s a matter of attitude rather than tools.
I personally believe that there are a lot of amazing ways to put together these two aspects of our lives. We can work on computing in an analogue way, as well as we can use digital tools while we are surrounded by nature.
The first example that comes to my mind is Craft·Ed, the research centre of San Micheletto High School and Fondazione UiBi. This project is trying to explore the skills for the 21st century through a learning process about craftwork, both digital and analogue.
Anyway I feel like this absurd opposition will rest, and we will never find a balance.

Collages by Joana Coccarelli

Nefula:

Remaining in the educational field, there are a lot of technologies for “personalized learning” that are emerging and spreading around. E-learning platforms, driven by algorithms and AI, seem to be the future of education. And all this is based on the ideology of personalization, self-learning and playlists on the one hand and massive data collection, artificial intelligence and surveillance on the other. Thinking about a next scenario of “school without teachers” which could be the role of educators?

AA:

I was chatting about this some weeks ago with Prof. Salvatore Zingale (researcher and professor of Semiotics at the Politecnico di Milano).
The point of the discussion was: a school without teachers couldn’t exist. It could not be possible because school is made by teachers and scholars.
My perspective is that e-learning platforms are very useful, even if it’s statistically proven that they aren’t fully successful. I think that the power of these tools is in promoting a non-linear approach to education. Online courses, unlike lessons, don’t have to be followed from A to Z, and are browsed in different ways. Maybe two MOOCs are enough to open new learning paths and answer to our intellectual curiosity.

We can make more dynamic and refined choices. Obviously this kind of learning is highly individual, everyone has a key that opens his/her own door. In this framework teachers work as facilitators, who can trigger a successful process that helps to develop some specific skills.
Playlist is the keyword, teachers must be able to use this tool with the aim of identifying paths for their pupils and colleagues. So, in this scenario teachers must be good students and be able to manage content and understand what is useful to others. Teacher will be a smart path selector.

The e-learning platforms are not going to be the future of education, they will be one of the futures, and surely they will be important in shaping the next. But we must remember that education is not a monolith that we can mould as we want, it is more like the sea, always in movement and without an outline. To try to draw an outline means to create limits and to catch just one side.

Italian article

Dai primi attimi della sua esistenza Nefula è stata interessata allo studio dell’evoluzione dei modelli educativi. Dato che non siamo – attualmente – né insegnanti né genitori possiamo osservare dall’esterno le trasformazioni nelle scuole. Sappiamo bene però cosa pensano gli insider degli osservatori esterni e per questo abbiamo voluto fare una chiaccherata con Agnese Addone, nostra carissima amica e 100%insider.

 

Agnese è insegnante di matematica in una scuola primaria di Roma (si definisce “maestra accidentale”), è genitore di un bambino in età scolare, ed è stata tra i primi fondatori della rete italiana dei CoderDojo. Ci ha raccontato il suo punto di vista sul rapporto scuola/tecnologia in Italia, tra occasioni mancate e opportunità per il futuro.

 

Nefula: Oggi una delle maggiori sfide in campo educativo è strutturare il curriculum scolastico. In un momento storico in cui è praticamente impossibile fare previsioni a lungo termine, definire l’insieme di conoscenze e competenze che sarà utile tra 10/20 anni è quasi un paradosso. Allora perché l’insegnamento del coding sembra essere un elemento chiave nel percorso formativo delle nuove generazioni?

 

AA: Prima di tutto, devo rivelarvi che sto vivendo un momento anti “coding nelle scuole”. Credo che, con le dovute eccezioni, nelle classi si stia insegnando il coding in modo improprio. Una corrente educativa che avrebbe potuto essere estremamente virtuosa sta diventano sempre più spesso una forma di tecnicismo.
Insegnare a scrivere codice è un’opportunità per promuovere un atteggiamento attivo nei confronti della tecnologia, un metodo per comunicare ed esprimere se stessi, utile nel raccontare desideri e passioni, e sicuramente un modo per leggere la realtà in modo più consapevole. Ho la sensazione che questo non si sia capito. In alcune realtà scolastiche l’oggetto di studio è lo strumento tecnico, mentre la dimensione creativa ed espressiva viene quasi completamente ignorata. Agli allievi viene insegnato a scrivere codice.

 

Per quanto sia difficile fare previsioni a lungo termine, credo che si stia perdendo il focus dell’azione educativa, andando in una direzione svantaggiosa. Perché, qualsiasi siano le future evoluzioni del presente, il fine ultimo della scuola primaria dovrebbe essere stimolare lo sviluppo della personalità e la comprensione della società. E questo deve avvenire attraverso strumenti semplici, anche se la semplificazione non è mai semplice. Dando sempre più importanza ad aspetti specialistici e tecnici stiamo fraintendendo l’intero scopo educativo, prendendo la strada dell’iperspecializzazione. Spesso fin dalla scuola primaria gli allievi vengono indirizzati verso un modo di apprendere enciclopedico, in cui nozioni su nozioni vengono registrate in modo sterile.

 

Questo è gravissimo perché la generazione che entra adesso nelle scuole è disorientata e avida di punti di riferimento nella comprensione della realtà. In questo contesto l’approccio educativo attuale è controproducente, piuttosto che insegnare in che modo affrontare la complessità vengono aggiunte ulteriori informazioni.

 

Nefula: Ultimamente infatti il movimento dei coder ha ricevuto diverse critiche. In particolare viene messa in dubbio la validità del metodo e la capacità dei ragazzi di passare da “imparare come funziona un algoritmo” a “essere produttori e consumatori critici e consapevoli dei nuovi media”. In più, il ruolo primario che le grandi corporation hanno nella “computational propaganda” suggerisce degli interessi a lungo termini diversi da quelli di crescere cittadini digitali consapevoli.

 

AA: Sicuramente le aziende e le grandi multinazionali sono state fondamentali nella promozione di questo tipo di formazione, fin dalle origini. Inizialmente hanno usato metodi professionali, poi hanno cercato di entrare nelle scuole. Ed è stato allora che hanno dovuto fare i conti con la didattica, che non è una cosa che si può cambiare schioccando le dita. È iniziato un lungo processo di cambiamento che vede da una parte la resistenza profonda degli insegnanti, dall’altra la mancanza di preparazione al cambiamento di chi si occupa delle politiche scolastiche.
Ma anche se il calcio d’inizio è stato dato dalle corporation, è vero anche che molti educatori si sono resi conto che c’era un vuoto da riempire e che il coding poteva essere un buona opportunità per farlo.

 

Per quanto riguarda le critiche, come vi ho detto anche io ho le mie perplessità. In questo momento sta emergendo una corrente neo-luddista all’interno delle comunità di insegnanti. Moltissimi docenti che fino a ieri erano favorevoli all’inserimento delle tecnologie nella didattica hanno fatto dietrofront, proprio a causa della deriva che sta prendendo il coding nelle scuole.

 

Non posso dire con certezza se il metodo sia valido o meno. Sono sicura invece che all’interno delle aule il coding abbia assunto delle connotazioni proprie del sistema scolastico che vanno a discapito dell’attività, e che non esisterebbero in altri ambiti. Primo su tutti la pretesa di valutare il coding come una competenza tecnologica.
Quello che sta accadendo è che stiamo perdendo una grandissima occasione, quella di considerare il coding come strumentale alla didattica e alla veicolazione di conoscenze e contenuti.

 

Nefula: Sono in molti ad essere spaventati dall’uso delle tecnologie nella didattica. Questo sta portando al sorgere di esperienze che vanno nella direzione considerata diametralmente opposta: il ritorno alla natura e all’analogico.
Credi che questa opposizione natura VS tecnologia sia reale e abbia senso nelle scelte formative? Credi che nel futuro una delle due dimensioni prevarrà sull’altra? Conosci progetti o attività che creano un ponte tra queste due dimensioni?

 

AA: Più che parlare di paura parlerei di guerra tra fazioni.
Io non vedo però una divergenza totale tra queste due direzioni. Credo invece che chi sceglie un percorso di “ritorno alla natura” non si renda conto di quanti legami ci siano in potenza con la formazione digitale. È un problema di atteggiamento più che di strumenti.
Personalmente credo che ci siano modi molto belli per tenere insieme questi due aspetti della nostra vita. Si può lavorare sul pensiero computazionale in modo analogico, così come si può usare la tecnologia digitale stando immersi nella natura.

 

Un esempio che mi viene in mente in questa direzione è Craft·Ed, il centro di ricerca della Scuola Superiore San Micheletto della Fondazione UiBi. È un tentativo di individuare le skills per il XXI secolo attraverso il coinvolgimento degli allievi in esperienze artigianali, a cavallo tra analogico e digitale.

 

Purtroppo ho la sensazione che non si troverà mai un equilibrio tra queste due posizione, che rimarranno sempre in un’opposizione insensata.

 

Nefula: Sempre in ambito formativo stanno emergendo e consolidandosi una serie di tecnologie che consentono di apprendere in modo autonomo e “personalizzato”. Le piattaforme di e-learning, guidate da algoritmi e A.I., sembrano essere il futuro dell’educazione, basato sui concetti di personalizzazione, self-learning, playlist da una parte, controllo ed estesa raccolta di dati dall’altra. In uno scenario di ipotetica “scuola senza insegnanti” quale potrebbe essere il possibile ruolo degli educatori?

 

AA: Stavo parlando di questo proprio qualche settimana fa con Salvatore Zingale.
L’esito della discussione è stato: una scuola senza insegnanti non esiste. Non può esistere perché la scuola è fatta da insegnanti e da allievi.

 

Dal mio punto di vista credo che le piattaforme di e-learning siano molto utili, nonostante la statistica riveli la loro parziale inefficacia. Personalmente, credo che il punto di forza di questo strumento sia quello di favorire una didattica non lineare. I corsi on-line, a differenza di quelli in presenza, non devono essere seguiti dalla A alla Z, ma sono navigabili in modi diversi. Magari sono sufficienti due lezioni di un MOOC per aprire altre strade formative o per soddisfare la propria curiosità intellettuale. Le scelte che si possono fare sono più dinamiche e raffinate. Ovviamente questo tipo di formazione è estremamente soggettiva, ognuno ha la propria chiave e segue un percorso individuale. In questo contesto il ruolo dell’insegnante deve essere quello del facilitatore, la persona che può innescare processi proficui e aiutare a sviluppare alcune competenze specifiche.

 

La playlist è la parola chiave, l’insegnante deve essere in grado di usare le piattaforme per fare delle scelte per i propri allievi e per gli altri insegnanti. Il ruolo degli educatori in questo scenario è quello di essere dei bravi allievi, capaci di destreggiarsi bene nella scelta di un percorso e nella comprensione di ciò che utile per gli altri. Un insegnante sarà un bravo selezionatore di percorsi.

 

Sicuramente le piattaforme online non saranno il futuro dell’educazione. Saranno uno dei futuri, e certamente concorreranno alla costruzione del futuro dell’educazione. Ma dobbiamo ricordarci sempre che l’educazione non è un monolite che si modella di volta in volta, è un mare che si muove e non ha dei contorni. Il tentativo di delineare dei contorni significa porre dei limiti, coglierne una sola parte.

Nefula

Nefula is the first italian studio of Near Future Design.
Nefula loves humans and the Earth, but also imaginary worlds and fictional beings.



NEWSLETTER

Be lazy, subscribe to have an overview of the Journal.
Randomly in your inbox.