Warning: "continue" targeting switch is equivalent to "break". Did you mean to use "continue 2"? in /home/giacomo9/nefula.com/wp-content/plugins/revslider/includes/operations.class.php on line 2695

Warning: "continue" targeting switch is equivalent to "break". Did you mean to use "continue 2"? in /home/giacomo9/nefula.com/wp-content/plugins/revslider/includes/operations.class.php on line 2699

Warning: "continue" targeting switch is equivalent to "break". Did you mean to use "continue 2"? in /home/giacomo9/nefula.com/wp-content/plugins/revslider/includes/output.class.php on line 3581
Alessandro Bertirotti: Dreaming an emotions-driven future
 

Alessandro Bertirotti: Dreaming an emotions-driven future

Alessandro Bertirotti: Dreaming an emotions-driven future

In Conversation — By Nefula — 21.08.2017

Why what happens in our brains matters for the futures.
Italian and English article.

Last fall we participated to the Med.Net 03 Resili(g)ence International Forum, by the Architecture and Design Department of Genoa University. At that time we had the opportunity to listen a very evocative panel that, in a nutshell, showed how neuroscience could be an help in design practice during emergency and calamity. Mostly, the panel displayed scientific and psychological studies about the post-traumatic-stress disorder, but we were impressed by its introduction, more than its main topic.

 

Alessandro Bertirotti – writer, researcher and, in this case, speaker of the panel – explained how the emotions are shaped and memorized in our brain, and how these processes could be used to design purposes.
In the Near Future Design process emotions have a main role in the perceptions of future scenarios, and here at Nefula we are used to observe them, to catalogue them, but less used to look at them in their scientific essences.
From this curiosity to different approaches was born this conversation with Alessandro Bertirotti, a journey across neurology, psychology, philosophy and design.

 

Alessandro Bertirotti is Adjunct Professor of General Psychology Faculty of Architecture, University of Genoa, Italy, and Visiting Professor of Anthropology of Mind, Universidad Externado de Bogotà, Facultad de Ciencias Sociales y Humana, Colombia.
He is regularly guested by Rai Radio Uno (the main Italian radio channel) and he writes on many Italian magazines and newspapers.

Nefula:

At Met.Net you talked about “learning through emotions” a very fascinating concept. What is it?

AB:

Talking about emotions means to talk about neuro-biological and cognitive process. To better understand these processes we have to consider the 3 brains theory by the neurologist Paul MacLean. MacLean studied how the evolution of our brain took place phylogenetically inside a process of stratifications. The brain is splitted in three parts, corresponding to three different stages of evolution of the species.
The first stage is the archipallium, or primitive brain, it includes the cerebellum and spinal bulb, the second one is the paleopallium or intermediate brain, it’s the limbic system, and finally, the third stage is the neocortex, called also upper brain, it’s the cerebral hemisphere. What is interesting in this theory is that these three parts of our brain are arranged one above the other and are able to dominate each other.
According to several researches the emotions are classified in primary and secondary (or complex).
The primary emotion (fear, pain, rage, disgust, surprise, joy) are situated in the archipallium and in the paleopallium. They are part of our oldest brain, which we share with all the mammals and makes us animals. It’s thank to this animal side that our species survives and is able to protect itself. All the parts of our brain are constantly linked and the archipallium, where is located everything about the survival instinct and the ability to react to fear, takes over when perceiving dangerous situations. Opposite, the neocortex is able to act on the older brain, replacing our instinctive emotions and primordial emotional states acquired through experience and education.

 

Learning through emotions takes place in the paleopallium, where the hypothalamus manages the mnemonic organization of emotions. Through the repetition of an emotion we can act on how emotional memories are organized within the hypothalamus, by changing the neural links. A designer can arouse emotional attitudes, and thus preferential behavior, by elaborating objects that return to positive repetitions already present in the hypothalamus.

Nefula:

If emotions have a main role in understanding the present, which role do they have in the perception of the future?

AB:

They definitely play a key role.
Etymologically, the name “emotions” came from the latin “ex movere”, moving out. An emotion moves the one who feels it from one state to another. Even more meaningful it is the capacity to thrill through his own emotion. The designer must thrill, but before he has to be thrilled.
The role that emotions play in the perception of future is linked to memory. Tritely, we can assert that everyone remembers what excited him/her. Emotion and memory are, together, a tool for the future: remember to repeat, remember to get ready to do, remember to arrange what to do. Memory is a perspective for the future, a memory that is exclusively addressed to the past doesn’t exist. Who uses the memory only to look to the past is in an altered state of consciousness that is called depression. Depressed people recalls the past and thinks: “it will never change”. In a normal state, however, people have expectations for the future, expectations based on memory. On the first hand there is the experience: if I’ve seen the sunrise today, I’m sure that I’ll see it even tomorrow. But we know that empiricism is fallacious: if tomorrow I will not wake up, I will not be able to see the sunrise.
So, in the activity of memory is important the role of hope, meant as the desire to repeat what has already happened or the desire to complete something that has already begun. In the use of emotions, the concept of experience and hope is primary. If I felt a positive emotion, I remember it and I desire its repetition. If I felt a negative emotion, I remember it and I desire that it will not repeat again in the future. Through the experience of emotions it is possible to access to desirable future scenarios.
But there is a complication. When the emotion (positive or negative) is recurrent, who felt it will be always driven to research the same recurrence in the future, because our brain has memory of emotions without judgements. This is a tragedy, and it is why who lived violence in the past, will research the repetition of that pain even in the future.

Nefula:

It seems that in the last years, at a global level, the expectations for the future causes negative emotions, scepticism, uncertainty, fear. From here the tendency to look at the past, and the success of the “vintage”. Do you think that it is possible to work on memory to find the way to have a positive view of the future?

AB:

In the design phase it is possible to use the vintage “look and feel” to drive innovation and new practices. It means to use the safeness and positiveness of vintage to propose new uses and behaviors.
But it is more interesting to understand why this feeling of distrust in the future is widespread.
I believe that an answer can be found in the modern concept of “alliance”.
Today, even in diplomacy, we arrived to talk about “variable geometry alliance”, that is able to modify itself following different factors and interests. It’s a concept enough hard to accept, because our species is based on the concept of alliance. Society comes from latin sociětas, word that comes from socius “associate, allied”. Since ever the society is an alliance and lobby system.
What is not possible to delete from human being mind is the idea that the concept of future is linked to loneliness sensation. Cause of that protecting ourselves coming back to the past, and the triumph of the vintage as a chance to reactivate an alliance among all these people that loved that product, that music, that fashion.
In this context, the only way to proceed is to propose an alliance of people projected to the future. So, the mind living the touching emotions can go to the future with the certainty to don’t be alone.

Nefula:

Dominant mind models in engineering, design and science had few chances to do something until now facing the big challenge of our times: climate, environment, energy, work, migrations, poverty, health. The “eins” are few and insufficient entity, if compared to the grow of “problems”. You, as a teacher in a design university, which possible ways do you suggest in order to opt for new mind models, new imaginaries, new practices that could drive us to different results?

AB:

This is a great question, but it’s very complex.
First of all I think that in order to change our mind models, and to find new ways to proceed, we have to learn to live synthesizing the opposites that characterize the global life of our times. It means that the concept of diversity has to live together with the auto-production concept. We have to search to understand that our essential life (in the etymological sense of the word, that is connected to our essence of human beings) is composed of paradoxes. An author that could help us in order to understand this vision is Carl Gustav Jung, and his idea of Light and Darkness, in which the antipodes live of opposition elements. So, of course, a way to change our way to compare ourselves with the changes of our times is to try to design paradoxes.
Another solution to choose, also this one linked to the design of paradoxes, is to depose the distinction between subject and object. The cartesian idea that distinguishes between designer and final user has to be put aside. Is needed to launch cooperation and collaboration paths, in which the singular “I” is included inside the plural “we”. In my last book Psico-antropologia per il Design, I dedicated a whole chapter (“Dall’io progettuale al noi progettuale”) to this topic. This assumption is connected to the choice to start trans-disciplinary studies in which various disciplines interconnect and complete each other.

Nefula:

The mind anthropology talks about “mental continuum”, and about the impossibility to establish borders between minds of different individuals in the same environment. It’s possible to find a “mental continuum” also in our interconnected world? In which way hyperconnection is changing our mind?

AB:

Surely is possible to talk about “mental continuum” also in the case of relationships taken in the digital world. It could be verified also in the fact that, sometimes, is possible to get to choose the technologically mediated communication instead of the direct one. It is sufficient to think about all the times in which, paradoxically, two people chat also if they are face to face.
From my point of view, this is not so dramatic as they want that we think, actually it’s very interesting. When there are technological tools that invade so strongly our daily life is normal that they become a sort of extension of our personality.
The state of hyperconnection obviously implicates this phenomenon. The way we use our smartphones, for example, make them real reflections of our identity, another “myself” that works as a relational interface. When these changes happen in the evolution of the species at the starting point they invade our lives with a lot of strength, but after a while they got fixed and they find equilibrium. The problem is not in the existence of these changes, but in the temporal fact. Today the evolution is so fast that changes come in succession, with the explosive strength of a series of tsunamis. The huge problem is not the continuum mediated by technology, but the speed in which innovations come in succession, that doesn’t allow us to get awareness about how we use them. We live in a state of hyperconnection, but are we cognizant that we can choose to send or not a message to the person that is beside our room? Are we in the circumstance to don’t be subject to a psychological dependence from this? Do we know that this modification is so strong, almost automatic, to get us unaware?
We have to get the control of the hyper-connection phenomenon through a process of awareness.

Italian article

Lo scorso autunno siamo stati ospiti al Med.Net 03 Resili(g)ence International Forum, organizzato dal Dipartimento Architettura e Design dell’Università di Genova.
In quell’occasione abbiamo potuto assistere ad un panel molto suggestivo che, sintetizzando, mostrava in che modo le neuroscienze possano venire in aiuto alla progettazione in situazioni di emergenza e calamità.
Per la maggior parte, il panel esponeva studi scientifici e psicologici sul disturbo post traumatico da stress, ma la nostra attenzione è stata attratta dall’introduzione, ancora prima che dal contenuto vero e proprio.

 

Alessandro Bertirotti – scrittore, ricercatore e, in questo caso, autore del panel – spiegava la modalità in cui le emozioni si formano e si archiviano nel nostro cervello, e come questi processi possono essere utilizzati nei processi progettuali.
Nel Near Future Design, le emozioni giocano un ruolo principale nella percezione di scenari di futuri possibili, e a Nefula siamo abituati ad osservarle, categorizzarle, interpretarle, meno abituati a considerarle nel loro aspetto neurologico.
Da questa curiosità verso approcci diversi nasce la nostra conversazione con Alessandro Bertirotti, attraverso neurologia, psicologia, filosofia e design.

 

Alessandro Bertirotti è professore di Psicologia Generale presso Dipartimento Architettura e Design dell’Università di Genova e docente di Antropologia della mente presso la Universidad Externado di Bogotà. È inoltre ospitato regolarmente dalle trasmissioni di Rai Radio Uno e autore per diverse testate italiane.

 

Nefula: Nel suo panel a Med.Net ha parlato di “apprendimento attraverso le emozioni”, un concetto molto affascinante. Di che si tratta?

 

AB: Parlare di emozioni significa parlare di processi neuro-biologici e cognitivi. Per meglio comprendere questi processi occorre prendere in considerazione la teoria dei tre cervelli del neurologo Paul MacLean. MacLean sostiene che lo sviluppo del nostro cervello è avvenuto filogeneticamente nell’ambito di un processo di stratificazioni. Il cervello risulta diviso in tre parti, corrispondenti a tre diversi stadi di evoluzione della specie. Il primo stadio corrisponde all’archipallium o cervello primitivo, costituito dal cervelletto e dal bulbo spinale, il secondo al paleopallium o cervello intermedio, costituito dal sistema limbico ed infine il terzo al neocortex chiamato anche cervello superiore, costituito dagli emisferi cerebrali. L’aspetto interessante di questa teoria è che queste tre componenti del nostro cervello sono disposte l’una sopra l’altra e sono in grado di dominarsi reciprocamente.
Secondo alcuni studi le emozioni sono classificabili in primarie e secondarie (o complesse).
Le emozioni primarie (paura, dolore, rabbia, disgusto, sorpresa, gioia) risiedono nell’archipallium e nel paleopallium. Esse sono parte costituente del nostro cervello più antico, quello che ci accomuna a tutti i mammiferi, che ci rende animali. È proprio grazie a questa animalità che la nostra specie sopravvive ed è in grado di proteggersi.
Tutte le parti del nostro cervello sono in costante collegamento e l’archipallium, in cui è situato tutto ciò che riguarda l’istinto di sopravvivenza e la capacità di reagire alla paura, prende il sopravvento quando percepisce situazioni di pericolo.
Viceversa, la neocortex può agire sul cervello più antico, sostituendo alle nostre emozioni istintive e primordiali stati emotivi acquisiti tramite l’esperienza e l’educazione.

L’apprendimento tramite le emozioni avviene a livello del paleopallium, in cui è presente l’ipotalamo, il luogo in cui avviene l’organizzazione mnemonica delle emozioni. Attraverso la ripetizione di un’emozione possiamo agire sulla modalità con cui sono organizzati i ricordi emotivi all’interno dell’ipotalamo, andando a modificare i collegamenti neuronali. Un designer può suscitare un atteggiamento emotivo, e quindi un comportamento preferenziale, elaborando oggetti che si riconducono a ripetizioni positive già presenti nell’ipotalamo.

 

Nefula: Se le emozioni hanno un ruolo importante nella comprensione del presente, che ruolo hanno invece nella percezione del futuro?

 

AB: Hanno sicuramente un ruolo fondamentale.
Etimologicamente emozione deriva dal latino “ex movere”, muovere fuori. Un’emozione muove colui che la prova da un certo stato ad un altro. Ancora più pregnante il significato di commozione, ovvero la capacità di emozionare attraverso la propria emozione. Il designer deve commuovere, ma per farlo deve prima essere emozionato.
Il ruolo delle emozioni nella percezione del futuro ha nuovamente a che fare con la memoria. Banalmente, possiamo affermare che ognuno di noi ricorda ciò che lo ha emozionato. L’emozione e la memoria sono, insieme, uno strumento per il futuro: ricordare per ripetere, ricordare per apprestarsi a fare, ricordare per organizzare il da farsi.
La memoria costituisce una prospettiva verso il futuro, non esiste memoria che sia esclusivamente rivolta al passato. Chi usa la memoria esclusivamente in relazione al passato si trova in uno stato alterato di coscienza che si chiama depressione. Il depresso ricorda il passato e pensa: “non potrà mai cambiare”. Normalmente invece si hanno aspettative per il futuro, aspettative basate sempre sulla memoria. Da un lato c’è infatti l’esperienza: se oggi ho visto l’alba, mi aspetto di vedere l’alba anche domani. Ma sappiamo bene che l’empirismo è fallace: se domani non mi sveglierò non potrò vedere l’alba.
Quindi, nell’azione della memoria interviene il concetto di speranza, intesa come desiderio che si ripeta ciò che è già accaduto o desiderio che si completi qualcosa che è già iniziato. Nell’utilizzo delle emozioni è basilare il concetto di esperienza e di speranza. Se ho vissuto un’emozione positiva, ne ho memoria e desidero che si ripeta. Se ho vissuto un’emozione negativa, ne ho memoria e desidero che non si ripeta nel futuro. Attraverso l’esperienza delle emozioni è quindi possibile accedere a scenari di futuri desiderabili.
Ma attenzione, c’è una complicazione. Quando l’esperienza dell’emozione (positiva o negativa) è ripetuta nel tempo, la persona che la vive andrà sempre a ricercare la stessa ripetizione anche nel futuro, poiché il nostro cervello ha memoria delle emozioni senza formulare giudizio di valore. Questo è un dramma, ed è il motivo per cui chi ha vissuto periodi della propria vita in condizioni di violenza, andrà sempre a ricercare la ripetizione del dolore, anche nel futuro.

 

Nefula: La sensazione è quella che negli ultimi anni, a livello globale, l’aspettativa verso il futuro provochi delle emozioni negative di sfiducia, incertezza, paura. Da qui la tendenza a guardare al passato, e il trionfo del vintage. Secondo lei è possibile lavorare sulla memoria per ritornare a guardare al futuro con sentimenti positivi?

 

AB: A livello progettuale è possibile usare il “look and feel” del vintage per veicolare contenuti avveniristici e innovativi. In pratica, significa sfruttare la sicurezza e la predisposizione positiva che dà il vintage per proporre nuovi usi e comportamenti. È più interessante però capire perché è diffuso questo sentimento di sfiducia verso il futuro. Credo che una risposta sia rintracciabile nel moderno concetto di “alleanza”. Oggi, anche in diplomazia siamo arrivati a parlare di “alleanza a geometria variabile”, ovvero in grado di modificarsi rispetto a diversi fattori e interessi. È un concetto abbastanza ostico da accettare, poiché la nostra specie si basa proprio sul concetto di alleanza. Società deriva dal latino sociětas termine a sua volta derivato di socius ‘socio, alleato’. Da sempre la società è un sistema di alleanze e di lobby.
Ciò che attualmente non si può eliminare dalla mente umana è che l’idea di futuro sia legata alla sensazione di solitudine. Per questo il rifugio nel passato, e il trionfo del vintage come possibilità di ripristinare un’alleanza tra tutte quelle persone che hanno amato quel prodotto, quella musica, quel modo di vestirsi. In questo contesto, l’unico modo di procedere è proporre un’alleanza di persone proiettate verso il futuro. Così, la mente vivendo le emozioni in commozione può andare verso il futuro con la sicurezza di non essere sola.

 

Nefula: I modelli mentali dominanti nell’ingegneria, design e scienze poco hanno potuto per ora nell’affrontare le grandi sfide del nostro tempo: clima, ambiente, energia, lavoro, migrazioni, povertà, salute. Le ‘vittorie’ sono poche e di scarsa entità, se confrontate al crescere dei ‘problemi’. Lei, in quanto docente in una facoltà di design, che strade possibili consiglierebbe per adottare nuovi modelli mentali, nuovi immaginari, nuove pratiche che possano portare a risultati differenti?

 

AB: Questa è una bellissima domanda, ma molto complessa.
Credo innanzitutto che per cambiare i nostri modelli mentali, e trovare nuove vie per procedere, dobbiamo imparare a vivere sintetizzando gli opposti che caratterizzano la vita globale del nostro tempo. Questo significa che il concetto di diversità deve convivere con quello di uguaglianza, che il concetto di originalità deve convivere con quello di usabilità di massa, che il concetto di creatività deve convivere con il concetto di serie, che il concetto di industrializzazione deve convivere con il concetto di autoproduzione. Dobbiamo cercare di comprendere che la nostra vita essenziale (nel senso etimologico del termine, cioè legato alla nostra essenza di esseri umani) è costituita da paradossi. Un autore che può venirci in aiuto per capire questa visione è Carl Gustav Jung, e la sua concezione di Luce e Ombra, in cui gli antipodi vivono di elementi in opposizione. Quindi, sicuramente, una via per cambiare il nostro modo di confrontarci con le sfide del nostro tempo è quello di cercare di progettare paradossi.
Un’altra soluzione da adottare, anch’essa legata alla progettazione dei paradossi, è quella di abbattere la distinzione tra soggetto ed oggetto. L’idea cartesiana che distingue tra il progettista e l’utente finale va messa da parte. È necessario intraprendere percorsi di cooperazione e collaborazione, dove l’io singolo sia compreso all’interno del noi plurale.
Nel mio ultimo libro Psico-antropologia per il Design, ho dedicato un intero capitolo (“Dall’io progettuale al noi progettuale”) a questo argomento.
Questo assunto si lega anche alla scelta di intraprendere studi transdisciplinari in cui le varie materie si compenetrano e completano vicendevolmente.

 

Nefula: L’antropologia della mente parla di “mental continuum”, e dell’impossibilità di stabilire confini tra le menti di diversi individui in uno stesso ambiente. È possibile trovare un “mental continuum” anche nel nostro mondo-interconnesso? In che modo l’iperconnessione sta cambiando la nostra mente?

 

AB: Sicuramente è possibile parlare di “mental continuum” anche nel caso di relazioni intraprese nel mondo digitale. Questo è riscontrabile anche nel fatto che si arriva, talvolta, a scegliere la comunicazione mediata tecnologicamente rispetto a quella diretta. Basta pensare a tutte quelle volte in cui, paradossalmente, due persone chattano pur trovandosi faccia a faccia.
Dal mio punto di vista, questo non è così drammatico quanto vogliono farci credere, anzi è molto interessante. Quando ci sono strumenti tecnologici che invadono così fortemente la nostra quotidianità è normale che essi diventino una sorta di prolungamento della nostra personalità. Lo stato di iperconnessione ovviamente amplifica questo fenomeno. L’uso che facciamo dei nostri smartphone, ad esempio, li rende veri e propri riflessi della nostra persona, un altro sé che funge da interfaccia relazionale. Quando avvengono questi cambiamenti nell’evoluzione della specie inizialmente invadono le nostre vite con molta forza, ma con il tempo si assestano e trovano un equilibrio. Il problema sta non tanto nell’esistenza di questi cambiamenti, quanto nel fattore temporale. Oggi l’evoluzione è così rapida che i cambiamenti si susseguono, con la forza dirompente di una successione di tsunami.
Il grosso problema non è tanto il continuum mediato dalla tecnologia, ma la velocità con cui si susseguono le innovazioni, che non ci permette di avere consapevolezza nell’uso che ne facciamo. Viviamo in uno stato di iperconnessione, ma ci rendiamo conto che possiamo scegliere se mandare o non mandare un messaggio alla persona che sta nella stanza accanto? Siamo nelle condizioni di non avere una dipendenza psicologica da questo? Sappiamo che questa modificazione è talmente forte, quasi automatica, da renderci inconsapevoli?
È attraverso un processo di presa di coscienza che dobbiamo acquisire il controllo sul fenomeno dell’iperconnessione.

Nefula

Nefula is the first italian studio of Near Future Design.
Nefula loves humans and the Earth, but also imaginary worlds and fictional beings.



NEWSLETTER

Be lazy, subscribe to have an overview of the Journal.
Randomly in your inbox.